Vuoi realizzare la tua impresa?

Hai un’idea, un sogno nel cassetto?  Vuoi che il tuo lavoro rispecchi ciò che più ami fare? Vuoi  godere di autonomia senza rigidi orari prefissati, disporre di una fonte di reddito, avere la possibilità di realizzarti e di veder realizzato ciò che hai costruito con  le tue mani?  

Costruisci il tuo lavoro.  Crea la TUA impresa.

Diventare imprenditore è indubbiamente una scelta coraggiosa ma, allo stesso tempo, stimolante e in grado di offrire notevoli soddisfazioni professionali ed economiche.  È una decisione che ha le potenzialità per diventare molto gratificante; a tal fine, tuttavia, è necessario che si seguano alcuni passaggi fondamentali.

Innanzitutto, l’attività imprenditoriale deve nascere da un’idea ben definita e, per quanto possibile, innovativa. La concorrenza, al giorno d’oggi, è notevole; pertanto, per avere successo, è bene sviluppare un progetto che in qualche modo si differenzi dalla massa, che offra un servizio nuovo, o che possieda quel fattore in più che lo rende unico.

Una volta definita l’idea di base, è necessaria un’attenta analisi del contesto esterno nel quale si intende avviare l’attività; gli orientamenti politico-legislativi, il sistemo economico dell’area territoriale, i segmenti di mercato che sembrano avere maggior successo e la concorrenza… sono solo alcuni degli elementi da esaminare per verificare la concreta realizzabilità del progetto.

E’ fondamentale inoltre conoscere alla perfezione il prodotto o servizio che si vuole offrire, sapere a chi ci si vuole rivolgere, quali materiali e professionalità vanno impiegati nella produzione, definire tempi e metodi produttivi, verificare la presenza o meno di barriere all’entrata, progettare le modalità di distribuzione e di marketing e sceglierne i canali. Infine, ma non per ordine di importanza, è necessario determinare gli investimenti e individuare le fonti di finanziamento.

A questo punto, in seguito a una prima fase di analisi e pianificazione, potrai già renderti conto che fare impresa è una decisione assolutamente possibile; si tratta solo di decidere come realizzarla.

Se condividi la tua idea con altre persone, se credi che impegnarsi insieme e coordinare il proprio lavoro verso un obiettivo comune possa garantire maggior successo alla tua idea di impresa… perché non costituire una società cooperativa? 

La cooperazione può rispondere a tre grandi tipologia di necessità:

  • Risposta al bisogno di lavoro: si diventa soci per creare occupazione, per migliorare le proprie condizioni di lavoro, per valorizzare le risorse individuali e collettive.
  • Risposta al bisogno di far crescere la propria impresa: più imprese che si aggregano in Cooperativa riducono i costi di gestione, hanno più forza d’acquisto e competitività e intraprendono iniziative comuni.
  • Risposta al bisogno di una migliore qualità della vita e di una migliore qualità dei servizi alle persone: si diventa soci perché si condivide uno stesso ideale o cammino culturale e sociale e per fornire beni o servizi qualificati in autogestione.

Alla base di una società cooperativa, che si caratterizza per una particolare valorizzazione della persona rispetto al capitale, si trova la comune volontà dei soci di tutelare i propri interessi; lo scopo mutualistico che caratterizza questo tipo di impresa assicura ai soci il lavoro, beni di consumo, o servizi a condizioni migliori di quelle che otterrebbero dal libero mercato.

Un altro aspetto tipico delle cooperative è la variabilità del capitale sociale, il quale aumenta o si riduce in base all’ingresso o all’uscita dei soci, senza che ciò comporti problemi di modifica statutaria. Fattore che corrisponde alla variabilità del numero e delle persone dei soci.

Il terzo elemento che caratterizza le società cooperative è l’importanza delle persone dei soci. Ogni socio ha un solo voto nelle assemblee, secondo il principio “una testa – un voto” e tutti i soci hanno eguali diritti e obblighi.

Inoltre, nelle società cooperative vige il principio della porta aperta: chiunque condivida i principi mutualistici della cooperativa, può chiedere di farne parte ed essa può accettare tale richiesta purché sia in grado di soddisfare il bisogno di lavoro o servizio.

Infine, le società cooperative si caratterizzano per la loro natura non speculativa, secondo la quale, al momento dello scioglimento, i soci non possono dividersi il patrimonio della cooperativa, né possono vendere la società. La legge consente una tassazione agevolata degli utili, a condizione che siano reinvestiti per lo sviluppo della cooperativa stessa.

Se hai un’idea di impresa, intendi realizzarla, e ti rispecchi nei principi della cooperazione…

Contattaci!

Questo sito fa uso di cookes. Utilizzando questo sito o chiudendo questo messaggio acconsentite alla nostra policy sui Cookies Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi